sabato 24 febbraio 2018

In My Mailbox #7 - 2018


Buongiorno Lettori, come state? Qui si gela - immagino anche da voi - ma ci tocca comunque uscire per fare la spesa... chissà che non ci scappi un giretto alla libreria dell'usato, io ci spero sempre lo ammetto! E a proposito di usato, due dei romanzi che sto per mostrarvi arrivano proprio da lì, ma prima direi di spendere due parole su un regalino del Marito, che è passato in fumetteria senza di me e ha pensato di prendermi il sesto volume di Orange, di Ichigo Takano! Come saprete si tratta di una delle mie serie manga preferite in assoluto e non vedo l'ora di divorare questo spin-off. Al modico prezzo di 2€ - copertina rigida e condizioni perfette - ho poi recuperato Cappuccetto Rosso sangue, la sceneggiatura dell'omonimo film che, lo ammetto, avevo trovato piuttosto trash e bruttino. La storia di fondo però non è male e in genere le sceneggiature mi piacciono, ne ho avuto la prova con Biancaneve e il Cacciatore e Alice in Wonderland, che sto attualmente leggendo, quindi farò un tentativo. Allo stesso prezzo ho preso anche Il coraggio di un campione, di Eugene Yelchin, romanzo per ragazzi in cui l'autore russo racconta la vera storia di suo padre, capitano della Società Sportiva della Casa dell'Armata Rossa, inutile dire che sono curiosissima!


E voi cosa avete comprato ultimamente?

venerdì 23 febbraio 2018

5 cose che - 5 libri che mi hanno insegnato qualcosa


5 LIBRI CHE MI HANNO INSEGNATO QUALCOSA



"La vita non si scrive con le parole. si scrive con le azioni. Quello che si pensa non conta.
La sola cosa importante è ciò che si fa."

Non c'erano dubbi sul fatto che questo piccolo capolavoro di Ness sarebbe stato al primo posto della mia lista, visto il tema. Forse lo sapete o forse no, ma non importa, A Monster Calls è il mio libro preferito in assoluto, non ho mai voluto scriverne una recensione perché sento il bisogno di tenere per me le emozioni fortissime che mi ha regalato, ma se c'è una cosa che ho imparato da questa storia, che ruota intorno al lutto, ai sensi di colpa e al bullismo, è l'importanza di perdonare gli altri, ma soprattutto se stessi.






"Lei ha un modo di farmi penetrare la paura nelle ossa e di farmela pulsare nella testa che è più terrificante di quanto potrò mai descrivere."

Impossibile non citare anche Thornhill, - qui la recensione - una Graphic Novel cupa e corposa che affronta delle tematiche davvero difficili, come il bullismo, la depressione, la solitudine e problematiche adolescenziali come l'abbandono. Per quanto si legga in fretta si tratta di una storia pesante e macabra, che fa aprire gli occhi su quanto ogni piccolo gesto possa portare a conseguenze terribile, ma credo voglia essere anche un grido di protesta, capace di infrangere il muro di paura e silenzio nella quale le vittime di bullismo annegano, spesso senza trovare il coraggio di chiedere aiuto e, ancora più spesso, ignorati da chi dovrebbe proteggerli e sostenerli.





"Sarò più forte della mia tristezza"

Torniamo a parlare di depressione tra gli adolescenti con questo gioiellino, uno dei pochi YA - qui la recensione - che trovo davvero validi e che mi sento sempre di consigliare, non solo ai ragazzi ma anche agli adulti. Ad un primo sguardo può sembrare che la storia d'amore tra Aysel e Roman sia il punto focale del romanzo, ma andando avanti si rivelerà essere solo il contorno di qualcosa di molto più grande. Credo che scrivere questo libro sia servito all'autrice per buttare fuori qualcosa che la tormentava, e leggerlo ha aiutato me ad affrontare sentimenti che da qualche tempo mi tenevo dentro. Non è un romanzo lunghissimo, ma mi ha insegnato l'importanza di tendere una mano a chi ne ha bisogno.







"Credevo di essere forte, ma quando tornano saprò solo gridare, un grido ancora più atroce perché muto."

Anche la testimonianza di questa autrice mi ha insegnato molto, forse perché l'ho letta in un momento difficile della mia vita. Una lacrima mi ha salvato - qui la recensione - racconta la storia vera di Angèle: dopo un malore e quattro giorni di coma il personale medico voleva staccarle la spina, dandola ormai per morta, ma l'autrice era viva e lucida, imprigionata in un corpo paralizzato. A toccarmi da vicino è stato il suo percorso di riabilitazione, che mi ha tenuto compagnia mentre nella realtà vivevo una situazione molto simile assistendo la mia mamma dopo un terribile ictus. Questa storia mi ha fatto un regalo grandissimo, mi ha permesso di capire meglio cosa stava passando mia mamma e come starle accanto.




"La felicità si può trovare anche negli attimi più tenebrosi, se solo uno si ricorda di accendere la luce."

Alleggeriamo i toni con una delle mie saghe preferite di sempre, non che la cosa vi sorprenda, immagino. Da vera Potterhead non potevo che citare questo capolavoro della Rowling, che con le avventure di Harry mi ha accompagnata dall'infanzia all'età adulta, insegnandomi il valore dell'amicizia e della famiglia. Non penso ci sia bisogno di spiegare perché questa saga mi è rimasta nel cuore e quanto io la ami, ma forse è giusto specificare che racchiude moltissimi insegnamenti, non si limita ad essere la classica serie Fantasy per ragazzi. Vengono affrontati temi difficili e delicati, ma la Rowling ci mostra cosa siamo disposti a fare per amore e, soprattutto, a cosa ci porta la mancanza di esso.




Cosa ne pensate di questi romanzi? E quali titoli avreste citato voi?

mercoledì 21 febbraio 2018

I miei 3 Blog preferiti

Buongiorno Lettori e buon mercoledì, come state? Mentre sui blog delle mie colleghe - più veloci di me a divorare un romanzo dopo l'altro - oggi potrete gustarvi una nuova puntata del WWW, io sono qui per proporvi un post che già da tempo volevo scrivere e che anche voi, sia qui che sui Social, mi avete richiesto: andrò infatti a parlarvi di quelli che sono i miei blog preferiti, nonché quelli che frequento regolarmente e di cui commento praticamente ogni articolo.

Prima di iniziare a parlarvi di questi angolini ci tengo a precisare che seguo tantissimi altri blog letterari e non, ma siamo davvero in moltissimi e purtroppo - so di non essere l'unica - spesso ho solo il tempo di leggere velocemente il post e mi riprometto di passare in seguito a lasciare un pensierino, ma non sempre riesco a farlo, anche se un paio di volte a settimana cerco di recuperare. Tutto ciò semplicemente per dirvi che se non vi ho inserite in questa lista non significa che non vi segua volentieri, ma semplicemente oggi ho voluto parlarvi di quei pochi blog a cui ormai sono così affezionata da essere diventati una tappa fissa della mia giornata.




Un mondo di libri è il dolcissimo blog gestito da Sonia. È nato a inizio 2012 e, sebbene io abbia iniziato a seguirlo assiduamente solo un paio di anni dopo, da quando l'ho scoperto non manco mai di passare a leggere tutti i nuovi post di Sonia. È un angolino tranquillo ma la sua creatrice lo porta avanti con passione e, cosa che apprezzo sempre, ci mette molto di suo in ogni post, in cui oltre ai contenuti libreschi non fa mai mancare due chiacchiere più personali. Oltre a recensire romanzi qualche volta Sonia parla anche di cibo e altre tematiche interessanti, è sempre bello passarla a trovare e nel corso degli anni ho avuto modo di constatare quale persona splendida sia, è gentile con i suoi Lettori e non manca mai di rispondere ai commenti.




Anche Dreaming Wonderland è uno dei blog che ho iniziato a seguire nel 2014, nonostante fosse aperto già dall'anno prima. A gestirlo è Ika, una ragazza simpaticissima e sempre disposta a fare due chiacchiere. Di questo angolino mi piacciono la semplicità e i temi trattati, Ika infatti non parla solo di libri, ma anche di film e serie Tv, nonché di cucina. Pubblica inoltre degli interessanti post legati alle festività e dei Tag mensili che trovo sempre carini. Sul suo blog mi sento come in famiglia e non mi perdo neanche un articolo, se cercate un blog che tratti una grande varietà di temi passate a trovarla, è molto attiva quindi non vi annoierete mai con lei.




Concludo con Il mondo di Cry, il più giovane di questi tre blog. Nonostante Cristina sia approdata nella blogsfera solo da un paio di anni, mi sono subito affezionata sia a lei che al suo angolino, che seguo assiduamente fin dal primissimo post. Con Cry ho instaurato una bella amicizia anche al di fuori dei nostri blog, siamo molto simili e mi piacciono le sue idee e la sua tenacia. Abbiamo già in programma una bella collaborazione quindi vi consiglio di tenere gli occhi aperti per i nostri futuri articoli! Anche Cry parla principalmente di libri e manga, ma non fa mancare foto e musica e di tanto in tanto quella bella foto dei suoi adorabili lavoretti fatti a mano. È una ragazza con molti interessi e riesce a dare il giusto spazio ad ognuno di essi.
Come ho già detto ci sono tantissimi altri angolini davvero validi come Libri di Cristallo, Il Regno dei Libri, Il Mondo di Sopra e altri che non ho inserito nella lista semplicemente perché per un motivo o per l'altro non riesco a commentare spesso - scusate ragazze! - anche se passo a visitarli con piacere. Con il tempo ho imparato che, anche se la maggior parte dei blog letterari pubblica pressoché le stesse rubriche o comunque la stessa tipologia di articoli e argomenti, trovarsi bene con tutti non è scontato. Non sono solo i titoli recensiti a farci decidere se diventare Lettori assidui di un blog, ma anche la grafica, la personalità di chi lo gestisce e l'atmosfera che troviamo ad accoglierci. Tra i moltissimi siti nati negli ultimi anni questi sono quelli in cui personalmente mi sento più apprezzata e a mio agio e mi sembrava carino farveli conoscere.

Sarei curiosa di sapere se frequentavate già questi blog, ma anche quali sono i vostri preferiti o quelli che mi consigliate. Mi farebbe piacere anche sapere come vi trovate qui nel mio Antro, per quanto sia impossibile piacere a tutti spero sempre che nei miei post possiate trovare quel clima sereno e pieno di passione per la lettura che io trovo quando passo a trovare queste ragazze!

martedì 20 febbraio 2018

Novità in Libreria - Febbraio 2018

Buongiorno Lettori, oggi torniamo a parlare di nuove uscite... le CE ci stanno sommergendo di titoli fantastici! Prendiamo il caso di Luna 2, di Nick Lake, un romanzo autoconclusivo ambientato nello spazio che mi incuriosisce da morire. Anche Nel bosco, di Michael Finkel è finito nella mia WL, non so voi ma io sono sempre attratta dalle storia che parlano del rapporto tra uomo e natura. Interessante anche La principessa si salva da sola, di Amanda Lovelace, una pubblicazione di Sperling&Kupfer che mira ad abbattere gli stereotipi femminili e che vorrei davvero leggere.







Se pensavate che i titoli belli fossero finiti, guardate con cosa ci delizierà Mondadori! Ebbene sì, è in uscita Storie della buonanotte per bambine ribelli 2 e io sono curiosissima di scoprire quali nuove biografie conterrà, ma sono certa che saranno super interessanti. Anche se non conosco le autrici mi piacerebbe molto leggere Nient'altro che noi, una storia che parla di due donne legate da una profonda amicizia e di gravidanza, e I fiori non hanno paura del temporale, di Bianca Rita Cataldi, in cui la protagonista cerca di ritrovare le sue origini per le vie di Bologna.

E cosa non poteva mancare nel mio post? Qualche bel Fantasy, ovviamente! Torna infatti in libreria A. G. Howard, autrice della serie Splintered, questa volta con un retelling autoconclusivo de Il fantasma dell'Opera intitolato Rose Blood. La copertina - tanto apprezzata da altre lettrici - non mi fa impazzire, ma penso che prima o poi lo comprerò. Per le fan della serie Captive Prince, di C. S. Pacat, esce finalmente La mossa del principe, il secondo capitolo della saga ed è previsto il terzo per marzo. Non potevo poi non innamorarmi de Il libro delle Porte, di Manlio Castagna, primo volume della serie di Petrademone, una storia di formazione che unisce l'avventura all'insegnamento e che per questo entrerà presto a far parte della mia libreria.


C'è qualche titolo che vorreste leggere tra questi?